Sulle tracce di Marco Polo

In onore del nostro ospite Daniele Tascini di questo sabato oggi parleremo di un german tutto italano .

Stiamo parlando de I VIAGGI DI MARCO POLO, gioco per 2-4 giocatori,edito in Italia dalla GIOCHI UNITI, di DANIELE TASCINI E SIMONE LUCIANI, della durata di circa 25 minuti a persona. La plancia di gioco raffigura il diario di viaggio di Marco Polo, la zona superiore rappresenta l’oriente con le famose città visitate durante il suo viaggio, collegate da strade ognuna con un pedaggio da pagare. La parte inferiore della plancia presenta le varie azioni fattibili durante il turno tramite il piazzamento dei propri dadi. Le azioni principali permettono di ottenere denaro, di ottenere 2 cammelli ed una risorsa a scelta, ottenere merci e cammelli, spostarsi sulla mappa in cambio di denaro e acquisire contratti (richiedono delle merci e danno in cambio punti vittoria e/o altre merci e/o bonus vari).

Ad ogni turno i giocatori agiscono facendo un’azione principale a testa finché tutti hanno usato tutti i dadi… è anche possibile piazzare i dadi su uno spazio già occupato da un altro giocatore, ma per farlo si pagano tante monete quanto il valore del dado piazzato. Ad ogni turno è anche possibile effettuare una azione secondaria o più (spendere cammelli per ritirare i dadi o cambiarne il valore, ottenere 3 monete, spendere cammelli per un dado extra e completare contratti).

Quando il nostro viaggiatore raggiunge una città, terminando lì il movimento, vi piazza subito un suo avamposto commerciale ricevendo così il bonus (città piccola) o potendo accedere a nuovi spazi in cui piazzare il dado. A fine partita (dopo 5 turni) si calcolano i punti vittoria, aggiungendo dei punti bonus a chi è arrivato a Pechino e a chi ha completato più contratti.Il gioco ha un estrema rigiocabilità, dovute dai tanti contratti e dai diversi personaggi (ognuno con diverse abilità) a vostra disposizione. La spiegazione dura all’incirca 10-15 minuti, le regole sono di facile comprensione, il gioco presenta molte possibilità e rende il gioco molto più profondo e strategico.

Sulle tracce di Marco Polo